giochi in legno

nidoramo

Sed turpis tincidunt id aliquet risus. Auctor urna nunc id cursus metus aliquam eleifend mi in. Odio morbi quis commodo odio aenean. Neque aliquam vestibulum morbi blandit. Mollis aliquam ut porttitor leo a diam sollicitudin. Viverra tellus in hac habitasse platea dictumst vestibulum. Aenean vel elit scelerisque mauris pellentesque pulvinar pellentesque habitant. Nunc scelerisque viverra mauris in aliquam. Vestibulum morbi blandit cursus risus at. Sed faucibus turpis in eu mi bibendum neque egestas congue. Sed viverra ipsum nunc aliquet bibendum enim facilisis. Curabitur gravida arcu ac tortor dignissim convallis. Pharetra magna ac placerat vestibulum lectus

intervista

Nunc vehicula sapien diam, sed iaculis ex sodales vel. Mauris auctor sem et orci sollicitudin, quis volutpat felis pellentesque. Aenean id massa laoreet, pellentesque velit a, convallis risus.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.
Carol Harris
Mom
GHEGHE LOGO
Edit
Click here to add content.
Narrano storie di cavalieri erranti, che tanto errano, poi rotolano, infine dondolano. Di origami che penzolano e trapezisti che ciondolano. Di elastici che rincorrono bersagli e di palline magiche. Di numeri che danno i numeri. Trenini penduli. Macchinine prensili. Storie atipiche o epiche o ippiche. Epiche per un giorno, un’ora, un’infanzia, una vita intera.

La prima storia ritrae un nido e un ramo. Che poi è una storia che accomuna tutti e che riguarda tutte le ere. Il nido è un inizio, un principio. La culla amorevole di ogni sguardo che germoglia. Il ramo è il luogo in cui lo sguardo si accresce. Funge da solido supporto esperenziale. Un orizzonte familiare e rassicurante entro cui, alternando il gioco con le azioni del quotidiano – suscitandole, perfino – si impara a conoscere e ogni altra cosa si apprende. Giocando si sperimentano le proprie capacità, si sfidano i limiti. E, giunti alle estremità del ramo, si spicca il volo.

“Tra i sapori dei giochi Nidoramo c’è quello del laboratorio in cui vengono creati. Un laboratorio piccolo, con macchine piccole, velocità ridotte – immerso nella campagna. E’ qui che Francesco e Anna vivono e lavorano, imprimendo colori e geometrie al legno, (e già questo, seppur mestiere, pare un gioco). Qui le storie germogliano, i giocattoli prendono vita e poi dal ramo il volo. Ovunque vadano portano con sé un po’ di questi boschi e campi, un po’ di grano, un po’ di canto di uccelli. Poiché di alberi e nidi è pieno tutt’intorno”.

Nel nido e nel ramo è racchiusa un’immagine ulteriore. Se il ramo rimanda alla materia – il legno – il nido esprime il modo – il lavoro manuale – col suo intreccio sapiente di sapienza e materia, quest’ultima offerta dalla natura, generosa come sempre, e grossolana. Altre storie si innestano qui. Una di queste è ancestrale come il mito e riguarda gli antichi mestieri. La cadenza del lavoro fatto con le mani che soppesano l’oggetto con cura e dedizione. Mani che incontrano il ramo, il tronco, la corteccia. La materia del legno odorosa di fasi lunari. E vi instillano forme, le geometrie tutte possibili, attuate con la rotondità irripetibile della lavorazione manuale. A coronare il disegno di nodi e venature, leggeri come spennellate di colore, altri materiali quali carta, stoffa e lana. Proprio come in ogni nido che si rispetti.

Il gioco e il giocattolo narrano una storia a sé. Antichi quanto e più delle piramidi e ovunque presenti nei continenti come utile pretesto di conoscenza, di relazione e di svago, sono un formidabile strumento pedagogico da un lato, e di piacevole sollazzo dall’altro. Si gioca da sempre e i giocattoli, come ogni altra cosa, cambiano nel tempo. Col trascorrere delle epoche anche il modo di giocare si perfeziona. D’altra parte, come in ogni altro ambito, anche in quello ludico ci sono aspetti che non mutano mai poiché l’uomo, e così il bambino, continuano ad essere uomo e bambino, oggi come allora. I giochi in legno Nidoramo raccontano questa di storia, la sfida del giocattolo “di una volta” a perdurare nell’epoca attuale, in cui tutto – e il giocattolo non  fa eccezione –  ha il sapore della tecnologia, lo standard dell’industria, la virtualità del digitale.

CHI SIAMO

BLOG

GHEGHE LOGO